LEGGENDE E TRADIZIONI SU BABBO NATALE: SAN NICOLA IERI ED OGGI

Chi è l’uomo col pancione e il barbone che ogni Natale porta i doni ai bambini insieme alle sue amiche renne? A sei anni ho capito che non esisteva anzi, me lo confidò un bambino più grande di me. All’inizio rimasi sorpresa, ma in realtà non più di tanto. Prendere coscienza che il mio amato Babbo Natale in realtà era tutta finzione di certo non è stato bellissimo, ma alla fine mi sono sempre chiesta quale fosse la verità. Forse è arrivato il momento di cercare di scoprire chi è Babbo Natale 🙂

CHI ERA SAN NICOLA?

San Nicola è esistito veramente. Le reliquie sono conservate nella Basilica di San Nicola a Bari, altre nell’abbazia di San Nicolò a Lido di Venezia, altre a Rimini ed altre ancora sparse un pò per tutta l’Europa. Ma chi era San Nicola? Un vescovo di Mira, Turchia, grande sostenitore della religione cattolica. In realtà la sua immagine non rimanda per niente all’attuale immagine di Babbo Natale . Morì il 6 dicembre e gli vennero attribuiti diversi miracoli su bambini e donne, ed ecco perchè divenne San Nicola.

chi è babbo natale

PERCHE’ SAN NICOLA DIVENTA BABBO NATALE?

I romani festeggiavano il solstizio d’inverno scambiandosi doni ma in realtà in una forma più pagana, perchè ringraziavano il dio Saturno e molte volte questi festeggiamenti assumevano usanze “particolari”.

Con il Cristianesimo, il dio Saturno è stato sostituito da San Nicola. La data fu spostata dal 6 dicembre al 25 dicembre, data della nascita di Gesù bambino. San Nicola era colui che portava i regali ai bambini e non Gesù, anche perchè i doni venivano portati ai bambini buoni e Gesù non distingue tra bambini buoni e cattivi. Così si associò Babbo Natale alla data di nascita di Gesù, creando un’atmosfera natalizia speciale soprattutto per i bambini, in memoria di San Nicola.

BABBO NATALE E IL NATALE OGGI

Oggi Babbo Natale è il risultato di un miscuglio di tradizioni e usanze antiche, mischiate tra di loro tra Nazioni e culture. In un certo senso il Natale con Babbo Natale è diventata una festa pagana così come lo è stata ai tempi degli antichi romani, un’occasione per ingozzarsi e bere a per di fiato; le aziende questo lo sanno benissimo. Come per esempio, la Coca Cola, e non solo lei, associò il colore del brand, bianco e rosso, al vestito di Babbo Natale per pubblicità natalizia ed ancora oggi è così. Ma il Natale con Babbo Natale è anche un momento per stare in famiglia e scambiarsi i doni, un momento speciale soprattutto per i bambini.

babbo natale e la coca cola

COSA PENSO?

E’ bello far credere ai bimbi dell’esistenza di Babbo Natale per rendere tutto più magico e speciale. L’attesa dell’arrivo dell’uomo panciuto con le sue renne è qualcosa di unico per un bambino perchè toglierlo? Così come enfatizziamo la figura di Babbo Natale, anche la nascita di Gesù bambino è qualcosa di magico e profondo da poter condividere tra bambini, grandi e in famiglia. E così come il momento dello scambio dei doni e dell’apertura dei bellissimi pacchetti natalizi riunisce la famiglia, anche la preghiera a tavola e la celebrazione della S.Messa di Natale in famiglia rappresenta un momento di unione da non trascurare.

Vi ricordate il film La Vera Storia di Babbo Natale? 🙂 Un film degli anni 80 che avrò visto almeno cinquanta volte e che rivedo volentieri sempre e comunque.