Alberobello, una perla d’Italia ricca di storia e tradizioni

Qualche settimana fa sono stata ad Alberobello in Puglia. Sono partita in macchina al mattino per ritornare dopo cena: un viaggio di tre ore di andata e tre ore al ritorno. Ne è valsa la pena. Ho avuto il piacere finalmente di poter vedere di persona i famosi trulli di Alberobello, fare un giro per la città, conoscere la cultura del posto, ammirare le usanze e le tradizioni anche commerciali del posto.

Come nascono i trulli

I trulli sono delle costruzioni a forma iconica tipiche della Puglia; un tempo vennero costruite come strutture precarie per sfuggire alla famigerata legge Pragmatica de Baronibus, e per non pagare i tributi vennero erette queste costruzioni all’interno di Alberobello, un tempo una zona molto ricca di vegetazione. Essendo strutture abusive, vennero costruite senza malta in modo da poter essere demolite in maniera veloce, in caso di eventuali ispezioni.

Mi ha raccontato un signore del posto che i disegni sui tetti dei trulli sono stati disegnati a mano con la calce, simbolo di purificazione, ed avevano dei significati specifici e diversi. Vista la diversità religiosa della popolazione a quei tempi, ci sono sia simboli cristiani che pagani, ornamentali, relativi all’astrologia ed allo zodiaco. Simboli per aiutare il buon raccolto, per proteggere le proprie famiglie o contro il malocchio. Il pinnacolo che vedete sulla punta del trullo serviva a far cadere giù subito l’abitazione in caso di controlli. Bastava attaccare il pinnacolo ad un asino e la costruzione si distruggeva in un attimo.

La cosa particolare di questi trulli è che, nonostante siano di facile demolizione, una volta entrati si percepisce la fortezza della mura stesse e grazie a questo fattore, vi è un piacevole fresco d’estate ed il caldo d’inverno.

Ospitalità

L’ospitalità degli abitanti di Alberobello è indiscutibile. Molto simpatici ed accoglienti, gli abitanti del posto vi consigliano dove andare e cosa visitare. Ci sono diversi wine bar, che vendono prodotti tipici locali da provare e da gustare soprattutto! Questi luoghi mi ricordano quanto è bello essere italiani e cosa vuol dire conoscere i propri territori e visitarli.

Ovviamente per chi volesse soggiornare ad Alberobello vi consiglio di prenotare un trullo. Un’esperienza che anch’io nel mio prossimo viaggio farò assolutamente.

Shopping ad Alberobello

Potete acquistare simpatici gadget di Totò, così come mini trulli utilizzabili come soprammobili, simpatici quadretti come ricordo di questa bellissima località italiana. Gli artigiani del posto offrono ai visitatori ed ai turisti meravigliose creazioni fatte a mano.

Il Rione Monti è quello più visitato dai turisti e ricco di negozietti dove poter acquistare ma vi consiglio di visitare anche la zona di Aia Piccola per assaporare la vera vita di Alberobello in quanto zona meno turistica ma dove ci sono i residenti del posto. Da non dimenticare lo zoo di safari di Fasano, Ostuni e le grotte di Castellana per chi visita Alberobello per più di un giorno.

Altre curiosità ed informazioni utili

A pochi passi dal centro storico troverete un parcheggio gratuito per chi dovesse decidere di arrivarci in auto. Ci sono guide turistiche del posto per chi volesse usufruirne.

Insomma, una visita fantastica e d’incanto per riscoprire le meraviglie d’Italia ed il nostro territorio. E non dimentichiamoci che  i trulli di Alberobello dal 1996 sono patrimonio dell’umanità dell’Unesco.

Info e Mappa